Fu Dou Shin

Tecniche Hontai Ju Jutsu

Le Tecniche di Base e i Primi Kata

 

Il primo Kata  (image)  Gyaku No Kata 
 Il secondo Kata  (image)   Nage No Kata
 Il terzo Kata  (image)   Oku No Kata

 

Distinzione tra Kata e applicazione - fonte: www.hontaiyoshinryu.it

Nello studio dell' Hontai Yoshin Ryu Ju Jutsu sono ripresi i concetti di TATEMAE e HONNE od OMOTE e URA, che sono applicati In modo diverso.

Uno è in uso nella pratica del KATA, Infatti, nella sua esecuzione, le chiusure dell’articolazione (GYAKU) e le proiezioni (NAGE) sono eseguite generalmente delicatamente, come se ci fosse un reale pericolo andando oltre il punto iniziale del dolore ed Inoltre contro gli attacchi standardizzati dei Kata queste sono le risposte più usate, mentre il distruggere o percuotere il corpo nei punti deboli o vitali è formalmente incluso solo in alcuni KATA.

Due punti tuttavia devono essere compresi perché molto importanti per una buona preparazione e soprattutto per una buona scuola di JU-JUTSU:

1) lmportanza dei KATA per imparare la forma corretta (tecnica pulita, movimento, controllo della distanza e del tempo)

2) La sicurezza nell’allenamento giornaliero per approfondire la conoscenza dei movimenti acquisiti al fine di ridurre il rischio di lesioni.

Con un’appropriata pressione, per esempio sul gomito, quando l'attaccante è sbilanciato si può provocare una dolorosa lussazione con un minimo impiego di forza.

Così come per il primo punto, il KATA è descritto solamente come il davanti, TATEMAE od OMOTE, nella reale applicazione per la propria vita, lussare il gomito è preceduto molto probabilmente da uno o più ATEMI che ci aiutano ad entrare nella difesa dell’avversario e rompere così il suo equilibrio.

In pratica questa distinzione è tra il KATA ed il suo opposto che è l'APPLICAZIONE, TATEMAE è l’opposto di HONNE, OMOTE è l'opposto di URA.

La "resistenza dinamica" come descritta prima è anche una parte della saggezza del JU-JUTSU.

Ad una prima impressione l'esperto di JU-JUTSU può apparire debole, indifeso o remissivo (TATEMAE) ma questo può essere solamente una tattica per spingere il proprio avversario ad un attacco non decisivo, ponendolo così in una condizione di sicuro insuccesso rispetto alla difesa (HONNE ).

Il livello del principiante è tutto TATEMAE, solo dopo innumerevoli ripetizioni del KATA l'allievo darà dimostrazione dell’aumentato controllo della tecnica, del tempo d’esecuzione e del movimento e sarà così pronto ad apprendere applicazioni reali delle forme.

Questo processo però è virtualmente infinito: nel livello più alto, quello della padronanza, i significati e le possibilità del KATA sono molto più profondi, in altre parole sarà più profondo HONNE o URA.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie di terze parti (social ecc) e tecnologie simili, non utilizza cookies di profilazione.  Chiudendo questo banner o cliccando su un qualunque elemento della pagina si accetta l'utilizzo dei cookie. E' possibile consultare l'informativa, negare il consenso ai cookie o personalizzarne la configurazione alla sezione dedicata (Privacy Policy)